< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/08/2010

    As seen on TV

    Filed under: — JE6 @ 11:15

    Sono stato due settimane e spiccioli senza guardare la televisione. Zero. Ah no, scusate, devo aver passato un paio di minuti nel porto di Igoumenitsa a cercar di capire quanto stava facendo la Sampdoria.
    Ora. Il punto non è se la cosa sia fattibile o meno. Certo che è fattibile. Solo, mi chiedo: serve? Voglio dire, serve a qualcosa oltre a tirarsela da “ommioddio l’istrumento del dimonio, lo scatolone inutile, Bruno Vespa, tanto io trovo tutto sull’Internet”? Risposta mia: no. A me la televisione piace. Serve. Perché a dirla tutta, io alle diete monoingrediente mica ci credo tanto, anzi. Ogni cosa ha il suo ruolo, poi possiamo pure provare ad autoconvincerci che tutto è sostituibile, per contenuti e modalità di fruizione: in fondo, basta crederci. Poi, chissà come mai, se uno vuole davvero vedere un film allora va al cinema. E l’Internette, quella, ecco: boh, magari mi sbaglio io, ma a me pare piena di contenuti televisivi, pensati e fatti per la televisione. Poi scaricati e guardati su uno schermo da dodici pollici. La televisione in sedicesimo, però non la si chiama così e allora va bene.

    One Response to “As seen on TV”

    1. {°)) Says:

      Sir, non saprei. Io non ho più la tv dall’Agosto del 1988, e non mi manca. Non guardo la tv via internet, manco iutiùb.
      Lo straniamento, quando mi capita d’incrociarne una accesa, è grande.
      Però sto bene così, è un po’ come quando ho capito che troppa pasta, *a me*, non è che facesse bene: non mi sognerei certo di dire agli altri che non bisogna mangiare pasta -piuttosto, consiglierei di mangiarne di ottima, e amorevolmente preparata.
      Però, ripeto, a me la tv non manca, la retorica d’accatto dei dibattiti televisivi meno che mai.

    Leave a Reply