< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/08/2010

    Il primo giorno di scuola

    Filed under: — JE6 @ 16:22

    Sì, qualcuno ha iniziato prima. Ma il giorno vero è domani. Il primo giorno di scuola, vacanze finite, grembiulino nero o bianco, fiocchetto azzurro o rosa, la cartella nuova oppure quella dell’anno scorso se è ancora in buono stato, le matite temperate di fresco, la merenda. Ma siccome non abbiamo più sette anni ci manca l’entusiasmo di trovare i compagni di classe, e quel che facciamo, nella domenica del villaggio, è cercare di non pensare a nulla – senza riuscirci – e poi tirare un lungo respiro che ci porti a domani, buongiorno signora maestra, buongiorno bambini, come sono andate le vacanze, avete fatto i compiti?

    4 Responses to “Il primo giorno di scuola”

    1. Leo Says:

      Non so bene perché, forse l’ho già detto da qualche parte, ma da un po’ di tempo sono preda del fascino dell’eterno ritorno. Una fascinazione poco entusiastica, ma a suo modo piacevole.
      Uno dei vantaggi è che non provo più quello spleen che mi colpiva puntualmente ad ogni rinnovarsi del ciclo. Forse perché lo spleen si è esteso a tutto il ciclo, non so; o forse perché in qualche modo il riprendere qualcosa che si sa fare e che si ritiene valga la pena di esser ripreso allevia di molto lo spleen.
      Come che sia per me e per lei, buon lavoro a lei, Sir, e buon lavoro anche a me.

    2. Sir Squonk Says:

      Io ho paura che sia vera quella cosa dello spleen esteso al ciclo intero, ma poi son momenti – venerdì ho chiuso due contratti, ero stanco morto e avevo avuto una giornata del cavolo, epperò ero, a mio modo, contento.

    3. Harlene Says:

      Tirare un lungo respiro che ci porti a domani. O meglio a dopodomani. O meglio ancora a venerdì alle 16, quando comincerà il primo weekend dopo il rientro a scuola.
      Io domani ricomincio – da insegnante.
      E non ho per niente voglia… 🙁
      **Harlene**

    4. Il primo giorno di scuola | Ludik – di Luca Di Ciaccio Says:

      […] blog di Sir Squonk. “Sì, qualcuno ha iniziato prima. Ma il giorno vero è domani. Il primo giorno di scuola, […]

    Leave a Reply