< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • August 2010
    M T W T F S S
    « Jul   Sep »
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/08/2010

    Il primo giorno di scuola – Reprise

    Filed under: — JE6 @ 11:33

    Il primo giorno di scuola, poi, è più o meno come te lo aspettavi, come lo conosci – dopo un po’ si assomigliano tutti. Qualche minuto di cincischiamento, come quando sei all’inizio del sentiero di montagna e ci impieghi il doppio del tempo per stringerti le stringhe delle scarpe, c’è chi parla della partita di ieri, chi sbuffa a sentirne parlare, chi beve un caffè per abitudine e chi come training autogeno, e poi le cuffie nelle orecchie e le prime telefonate. Durante il primo giorno di scuola non bisogna spingere troppo sull’acceleratore, ci pensano già i clienti e i fornitori e gli arretrati di luglio a tenerti sotto pressione, per il resto bisogna farsi forza, avere pazienza, aspettare, perché al primo segue il secondo, hai visto mai che sia un po’ migliore.