< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    16/10/2010

    “Ma non si sa mai”

    Filed under: — JE6 @ 14:21

    E allora restiamo ad aspettare ancora un po’, ieri lo zio/padre – simbolo della violenza, della bestialità, della sopraffazione, per alcuni dell’odio maschile nei confronti delle donne – oggi la cugina/figlia – e attendiamo di sapere di cosa essa sia simbolo: gelosia? vergogna? odio femminile nei confronti di se stesse? – domani chissà. Perché poi alla fine è vero quel che dice il procuratore della repubblica – “ma non si sa mai” – perché le cose sono sempre più complicate di quel che sembrano, più complicate delle nostre certezze, più complicate delle nostre teorie, più complicate dei nostri stereotipi.

    Repubblica.it