< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/10/2010

    La grazia

    Filed under: — JE6 @ 19:42

    Il sacerdote guarda i presenti alla cerimonia e dice adesso ognuno chieda una grazia per il bambino. Tace e si fa silenzio, per qualche secondo anche il normale rumore di fondo di questi momenti – battesimi, comunioni, funerali – si ferma, perchè forse davvero tutti si sentono in dovere di augurare qualcosa a quell’esserino di pochi mesi, e c’è chi gli augura salute, e chi felicità, e chi ricchezza, e chi una donna da sogno, e chi di trovare la sua strada, e chi che i suoi genitori gli vogliano bene, e chi serenità, e chi basta che non sia infelice poi si vedrà, e chi cambia idea perché capisce che sta augurando ciò che vorrebbe per sè, e insomma se quel bambino ricevesse dalla vita solo la metà, solo un decimo di quanto gli stanno augurando quelle persone che lui non conosce e che forse non conoscerà mai sarebbe non diciamo felice ma certo fortunato, e in fondo anche se nessuno crede che questo possa succedere la speranza è l’ultima a morire e oggi non è il caso di pensare o parlare di morte.