< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2010
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/10/2010

    Sfilando stagioni

    Filed under: — JE6 @ 16:56

    Guardo il calendario. Vedo che il mese di ottobre è ormai finito. So che c’è qualcosa che manca, e non mi è difficile rintracciarlo, ricordarlo. E’ una cosa che abbiamo fatto per più di vent’anni, due volte all’anno, prendere un giorno per noi, gli-amici-quelli-che-gesù-non-ho-più-avuto-amici-come-quelli-che-avevo-a-dodici-anni, e andare in un paesino di una valle a un’ora di strada da Milano, un paesino con gli affreschi e il lavatoio e la casa dove un giorno trovammo una bambolina voodoo lasciata da chissà chi e la locanda e gli alberi verdi in primavera e le foglie rosse in autunno, e metterci in palio un nostro trofeo che girava di casa in casa, e scattare fotografie, e arrostire carne, e fare caserma, e le cose che fanno gli amici, quelle che non vale la pena raccontare perché a parole è tutto stupido. Fissavamo le date la notte di Capodanno, il tredici aprile e il ventiquattro settembre, dai anticipiamo un po’, ma no guarda che fa freddo, ma quando cade Pasqua. Quest’anno è sfilato così, perché a Capodanno avevamo altri pensieri e qualche giorno dopo avremmo perso per sempre uno di noi e una parte di noi, ed è passata la primavera e non abbiamo detto nulla, ed è arrivato l’autunno e  ancora non abbiamo detto nulla, allora a Capodanno cosa facciamo, e chissà se ci faremo forza e guarderemo il calendario oppure no, va bene così, abbiamo dato e adesso pensiamo ad altro.