< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • February 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    07/02/2011

    Di sinistra, della sinistra

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Pare che un giorno Tony Damascelli, parlando di Giorgio Gaber, disse una cosa tipo “E’ un uomo di sinistra. Non della sinistra”. Quando l’ho letta, quella frase, mi sono detto beh, che bello, che attestazione di autonomia e indipendenza e libertà di pensiero, che riconoscimento della capacità di difendere i e farsi guidare dai valori senza irregimentarsi, senza diventare una pecora del gregge, e chi non vorrebbe che di sè si possa dire una cosa del genere. Poi ci ho pensato ancora un po’ su, e mi sono chiesto se quella che veniva descritta come una virtù non fosse al tempo stesso anche un gran difetto, se quella non fosse la fotografia dell’eterna sfiancante e cieca superbia di noi “de sinistra”, cultori del fuoco amico nel nome del rispetto di un’ortodossia spinta fino all’infinito e oltre, quello che ci porta a dividerci e spaccarci come gli atomi del CERN, mi son chiesto se il tentativo di questi anni di teorizzare e realizzare il partito liquido non fosse anche un modo per sfuggire all’incapacità di accettare i normali e giusti compromessi della vita sociale, inclusi quelli che regolano la quotidiana esistenza di un partito politico, nel nome della purezza assoluta dell’anima da offrire al dio sole dell’avvenire. Una risposta non l’ho trovata, ovviamente – è che forse non sono (mai stato) abbastanza di sinistra.