< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Distinguo
  • Magia
  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • Tuta blu
  • Telefonami tra vent’anni
  • Pausa pranzo
  • February 2011
    M T W T F S S
    « Jan   Mar »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/02/2011

    360°

    Filed under: — JE6 @ 18:50

    Cerco di ricordare a quanti eventi storici, a quanti punti di non ritorno ho assistito, da normale e semplice spettatore televisivo quale sono da molti anni a questa parte. La prima immagine a colori, la trasmissione combinata Costanzo-Santoro, Quelli della notte, Grillo che dà dei ladri ai socialisti, Benigni che palpa gli zebedei di Baudo, Vermicino, il fuorisincrono di Ghezzi, Blob, Colpo grosso, Drive In, Telepiù, il Satyricon di Luttazzi con l’intervista a Travaglio, e ancora Santoro in piazza poco meno di un anno fa – e la lista potrebbe continuare. Ogni volta qualcuno ha dettoUna cosa così non c’era mai stata, e ogni volta questo qualcuno aveva ragione. E’ che probabilmente nutro ancora l’ingenua speranza che i punti di non ritorno siano davvero tali, che da essi si prenda, si parta e non si ritorni più indietro; invece questo è il paese delle rivoluzioni complete, quelle che fai un salto fanne un altro, fai una giravolta falla un’altra volta, trecentosessanta gradi e ritorni esattamente dove e come eri prima, in attesa del prossimo evento storico.
    Jonkind

    Leave a Reply