< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    26/02/2011

    Deqquà

    Filed under: — JE6 @ 16:32

    A volte sembra che le parole ti si presentino davanti tutte insieme, secondo un ordine che non può avere a che fare unicamente con il caso. Così, l’altro giorno l’immagine del murale che dice “Society gets the kind of vandalism it deserves”, questa mattina il pezzo di Diego dall’isola che c’è, adesso facevo caso a una cartolina che ho preso in non ricordo più quale locale – dice “ognuno merita il regime che sopporta”, ripenso a un pezzo del finale del video di Diego, quando dice “No dicevo noi, io e te, che culo, a sta deqquà. Che llà, a guarda’ er mare, se ce pensi, era ‘n attimo che stavamo dall’artra parte”, e allora no, non abbiamo merito se siamo nati deqquà, ma magari qualche motivo perché non facciamo la rivoluzione con la quale in tanti si riempiono la bocca tra un mojito e una partita del Sei Nazioni ce l’abbiamo.