< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • February 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/02/2011

    Rovesciamento della volontà popolare

    Filed under: — JE6 @ 09:00

    Se vivessimo in una società realmente democratica, si sarebbe tenuta in debito conto l’opinione di cinquecento milioni e fischia di iscritti: e così The Social Network avrebbe vinto quindici Oscar quest’anno e pure qualcuno dell’anno prossimo. Invece, siccome questi premi vengono dati da una ristretta intellingencija composta da sei(mila) snob rinchiusi nelle loro torri eburnee, il popolo rimane una volta di più a bocca asciutta. Ci sarebbe da metter su una raccolta firme su Facebook, se non suonasse troppo come conflitto di interessi.

    3 Responses to “Rovesciamento della volontà popolare”

    1. Gio Says:

      Per definizione la democrazia è una utopia, la democrazia “reale” –quella delle maggioranze elette al potere– è l’unica cosa a cui noi poveri e limitati umani possiamo aspirare, per ora.

    2. camu Says:

      Ma scusa, vogliamo parlare di Inception allora? 🙂 Ne avrebbe dovuti vincere 20 di oscar!

    3. ziolimone Says:

      Da quando in qua l’Academy premia i film preferiti dal pubblico?

    Leave a Reply