< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Distinguo
  • Magia
  • Lontano da dove
  • Ciò che siamo
  • Niente resterà impunito
  • Gli uni agli altri
  • Il giorno dopo Ferragosto
  • Tuta blu
  • Telefonami tra vent’anni
  • Pausa pranzo
  • March 2011
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/03/2011

    Una passata di ferro da stiro

    Filed under: — JE6 @ 10:55

    E’ in fondo abbastanza ironico che la festa per l’unità d’Italia, con le bandiere e l’inno e l’elmo di Scipio arrivi nel momento di massima stanchezza per ciò che l’Italia stessa è diventata. Ché questo tocca fare, quando si festeggiano i compleanni: guardarsi allo specchio, e pensare: a ciò che si è fatto, a ciò che si è. E quel che siamo lo vediamo tutti i giorni, un paese che convive serenamente con, e persino coltiva la sfiducia in se stesso. Quel che ci salva, ci han detto fin da piccoli, è la nostra capacità di cavarcela, di venire a patti con tutto e tutti: l’arte di arrangiarsi, la chiamano. E così ci arrangeremo, per altri dieci, venti, cinquant’anni, e alla festa per il duecentesimo anniversario arriveremo così, come oggi, dando una passata di ferro da stiro alla bandiera comprata il giorno prima al supermercato, uguali a noi stessi, e chissà che in questo non vi sia da trovare qualche soddisfazione.

    One Response to “Una passata di ferro da stiro”

    1. plus1gmt Says:

      Dài, che è passata. Oggi si ritorna scettici come ieri l’altro, se non di più.

    Leave a Reply