< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2011
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/04/2011

    Cinque birilli reloaded

    Filed under: — JE6 @ 21:18

    Ci incontriamo per caso in uno dei bar del quartiere, io per comprare una marca da bollo, lui per giocare una schedina. Ciao come va, madonna quanto tempo, eh saranno tre anni, tuo papà come sta, dopo l’operazione meglio, insomma i soliti convenevoli di due che sono cresciuti insieme, e che insieme hanno vissuto le due più belle settimane della loro vita; guardiamo le ore, evidentemente entrambi non abbiamo fretta, lui mi chiede se mi va di bere qualcosa e io accetto. Mentre siamo lì al bancone con il bicchiere in mano ci guardiamo intorno, e nella seconda sala del bar vediamo il tavolo, i cinque birilli al loro posto, le stecche nella rastrelliera. Ad aver tempo si potrebbero far due tiri, butto lì con finta indifferenza, e lui risponde senza guardarmi che una mezz’ora ce l’ha, dai, ma guarda che saranno dieci anni che non gioco più, ma io anche quindici, ma allora non stiamo neanche a tenere i punti, perfetto, come quando da bambini giocavamo a passaggi o a muretto. Così ci troviamo col gessetto in una mano e la stecca nell’altra, e probabilmente tutti e due pensiamo che giocare a biliardo è come andare in bicicletta, non disimpari mai, non ti viene fluido come un tempo, ti pieghi con maggiore fatica, però dopo cinque minuti ti ricordi tutto. Non giochiamo uno contro l’altro, i punti li segniamo ma non è una partita vera: giochiamo piuttosto insieme, adesso cosa tiro, secondo me due sponde con taglio a stringere, dici, sì, batti qui sulla sponda lunga, dove, dove ho il dito, e quando a uno capita di tirare un bel colpo, quello che lo senti fin dal rumore della stecca che tocca la biglia, l’altro gli dice non guardarla più e fa quel gesto, sai come il tennista che batte la mano sul piatto delle corde quando l’avversario gli fa un un punto bello per davvero, ecco noi battiamo quattro dita sul legno della sponda, le battiamo due volte, come se fosse un applauso. Ognuno tira fuori il meglio del suo ormai striminzito repertorio, e ogni volta, non importa come, se per un traversino a mezza forza o per un giro di tre sponde, ogni volta che vedi quei birilli cadere sei contento come un bambino, e capisci perché hai passato tanti pomeriggi e pure un buon numero di mattine della tua vita intorno a quel tavolo. Mezz’ora passa in fretta, e in fondo le rimpatriate sono belle perché durano poco, e poco è il giusto. Sai che pensavo peggio, dice lui, per fortuna non c’erano testimoni, rispondo io, andiamo a pagare e dividiamo il conto, questa volta non c’è un vincente che dice “Cassa” allo sconfitto. Usciamo dal bar, io con la mia marca da bollo e lui con la sua schedina, ci vediamo, stammi bene, salutami i tuoi, anche tu, ciao, ciao.