< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2011
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    05/04/2011

    Obama, Seasons 5-8

    Filed under: — JE6 @ 12:50

    “Conciliare i diversi pezzi dell’elettorato democratico sarà il primo grande problema di Obama. Il secondo sarà invece riattivare l’entusiasmo del 2008 e mobilitare giovani e sinistra profondamente disillusi dal presidente e in particolare dalla sua politica estera e di sicurezza, dalla guerra in Afghanistan (che continua) al carcere di Guantanamo (che non viene chiuso). Obama in una certa misura correrà quindi contro se stesso, soprattutto se la crescita economica continuerà e inciderà finalmente sull’occupazione.” (Mario Del Pero, su Italianieuropei)

    Qualcuno dice che Obama abbia già conquistato la rielezione, e se è così può essere che una mail e un video siano sufficienti a sconfiggere avversari inesistenti. E’ battere se stessi, la cosa difficile.

    Paese irreale

    Filed under: — JE6 @ 09:15

    Io non so se i produttori di Boris siano delusi o meno dai risultati dei primi giorni di programmazione – magari son felici come pasque, vai a sapere; so che avere aspettative di gran successo al box office per un film che conta sul pubblico di una serie passata su Fox è come averle per il successo del PD prendendo come campione statistico i frequentatori di socialcosi.