< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • April 2011
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/04/2011

    Capelli

    Filed under: — JE6 @ 16:33

    Io non so cosa significhi per una donna andare dal parrucchiere, mettersi in mano a qualcuno che ti prende e ti cambia davanti ai tuoi occhi.
    So cosa significa per me quella mezz’ora, seduto sulla stessa poltrona di pelle rossa e metallo laccato bianco sulla quale stavo – diosanto – quarant’anni fa. E’ il momento nel quale sento il rasoio, la macchinetta con i suoi denti che si muovono veloci, la sento sulla pelle, che taglia, come se scoprisse e liberasse, come se togliesse un peso, se portasse via delle scorie. A volte leggo. A volte mi fisso nello specchio, penso ecco, un paio di millimetri ancora ed è perfetto – il che è un po’ ridicolo, non per la differenza che possono fare due millimetri ma perché mi rendo conto che sto pensando “così sto bene”, neanche fossi bello, neanche fossi un attore del cinema, quell’immobilità forzata mi obbliga a vedere tutti i difetti, a fissarli, a imprimermeli nuovamente nella memoria, ma al tempo stesso tutto è relativo e allora sì, nel perimetro ristretto delle possibilità datemi da mia madre e mio padre “così sto bene”. A volte chiudo gli occhi, il mio barbiere lo sa che non dormo, ogni tanto scambiamo quattro parole ma a volte nemmeno una, e ogni volta quando ha finito mi chiede se voglio una colonia, o il gel, e io dico no, e lui “Ecco, siamo a posto”, io dico grazie e lui “e di cosa”, e io a volte vorrei spiegargli che quando lui appoggia il rasoio non mi sta solo tagliando i capelli. Vorrei, ma chissà, forse lo sa.

    2 Responses to “Capelli”

    1. Flavia Altomonte Says:

      La risposta per le donne l’hai già trovata: andar dal parrucchiere è “come se scoprisse e liberasse, come se togliesse un peso, se portasse via delle scorie.”

    2. Stella Says:

      La rinascita di un’idea di se stessi, riflessa sull’immagine ricrerata. Affinchè essa possa aderire il più possibile al nostro vero “io” , edifichiamo anche altro con orpelli di vario genere! Personalmente, vado controcorrente ed è l’io che suggerisce, ogni giorno si rinasce e può esserci una nuova idea, noi stessi ogni giorno ci evolviamo. Non possiamo dire di conoscerci fino in fondo, sarebbe come palizzare l’evoluzione dell’essere nell’itinere del vivere! Il parrucchiere è come l’artista, che mette il colore in una immagine che può essere sbiadita e che da quel momento riflette la gioia di un mattino! 🙂

    Leave a Reply