< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/05/2011

    Io, tu e Letizia

    Filed under: — JE6 @ 18:40

    Caro lettore, se abiti e voti a Milano, ecco. Domenica andiamo a votare per eleggere il nostro sindaco. Io voterò Giuliano Pisapia, pur avendo preferito Stefano Boeri alle primarie del centrosinistra. E se tu voterai Letizia Moratti, beh, significa che tra me e te di distanza ce n’è. Un po’ troppa, mi sa.

    Il lenzuolo

    Filed under: — JE6 @ 09:18

    Davanti al grattacielo bianco ci sono due alberi sottili. Oggi c’è un telo bianco steso, attaccato ai due tronchi stretti, come un quadro appeso a un muro. Sembra un lenzuolo. Qualcuno ci ha scritto sopra, usando una bomboletta spray, una di quelle da graffiti sui muri. “Ho solo tre parole da dirti, senza te muoio”. In mezzo ci sono dei puntini di sospensione, e in fondo un punto esclamativo. E’ facile vedere un ragazzo, un sedicenne accompagnato dagli amici che lo aiutano prima a tenere il lenzuolo ben tirato mentre lui ci scrive sopra e poi ad agganciarlo come un’amaca, ma lei dove abita, lì al sesto, ma sei sicuro che questo è il lato giusto, sì sono sicuro. Per un momento mi piace però immaginare che quel telo lo abbia portato un uomo, un adulto che torna a casa nel suo elegante vestito da ufficio, il nodo della cravatta ancora ben stretto, un uomo che apre la porta, appoggia la borsa di cuoio sul pavimento, accarezza il gatto che dormicchia sul divano, si toglie la giacca, riscalda nel microonde una confezione di quattrosaltinpadella, un uomo che apre l’armadio e cerca un lenzuolo vecchio ma non troppo, apre la borsa di cuoio e ne tira fuori la bomboletta che è andato a comprare in un negozio di fai da te durante la pausa pranzo, si siede sul divano cercando di non disturbare il gatto, guarda un film e un paio di telegiornali, e quando è l’una prende il lenzuolo, lo piega per bene, esce di casa, sale in macchina, guida mezz’ora e arriva di fronte al grattacielo bianco e compie questo gesto stupido, ridicolo agli occhi di chiunque tranne che ai suoi. Mi piace immaginare anche che pure agli occhi di lei quel gesto non sia ridicolo, non lo sia troppo, che la mattina dopo, uscendo di casa per andare in ufficio, rallenti il passo per la sorpresa e accenni un sorriso. Sulla stradina che costeggia il grattacielo e i due alberi passa un gruppo di cinque ragazzi, avranno sedici o diciassette anni, stanno andando a scuola, magari uno di loro è l’innamorato del lenzuolo.