< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/05/2011

    Greetings from Sestri (Ponente) – La gente, nel corso

    Filed under: — JE6 @ 20:49

    Il lavoro a volte è quella cosa che ti fa prendere un appuntamento al mattino a Francoforte, salire su un aereo, atterrare a Malpensa e invece che tornare a casa ti fa andare a Sestri Ponente alle cinque di un pomeriggio di maggio. Quando finisco la visita percorro un viale pedonale, pieno di gente, gente che mangia il gelato, gente che parla seduta sulle panchine di una piazzetta che porta il fantastico nome di Cave di Seltz, gente che fa la spesa, gente che beve l’aperitivo. Ieri sera, nel bel mezzo di Paulsplatz ho chiuso gli occhi e tenuto il respiro e anche se erano solo le otto di sera si sentiva solo una specie di brusio primordiale, parente prossimo dello zero Kelvin del silenzio, ed era perfetto così. E per qualche ragione che non riesco bene a definire è perfetto anche questo casino genovese, con i panni stesi sopra l’ingresso del Bar Maestrale e l’uomo alla finestra del Sampdoria Club di piazza Baracca che guarda nel nulla mentre dal panificio sale profumo di focaccia e le auto cercano parcheggio, e sembra estate.

    State attenti

    Filed under: — JE6 @ 14:29

    Mi raccomando, state attenti, sappiate che se venite a Milano (preferibilmente in treno, o aereo) una persona su due con cui avete a che fare è amica e fiancheggiatrice dei terroristi – un po’ come stare sui monti afghani, insomma.