< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    25/05/2011

    Loro due, e noi

    Filed under: — JE6 @ 12:40

    Come la penso io, a quattro giorni e spiccioli dal ballottaggio che deciderà il prossimo sindaco della città nella quale sono nato, cresciuto e ancora ostinatamente vivo, quel ballottaggio che dovrebbe (potrebbe) segnare la famosa inversione di tendenza, il cambio epocale che farebbe tornare la democrazia in questo sventurato paese, come la penso io l’ha scritto Simone qualche giorno fa in un post dal quale riprendo una frase:
    L’unica cosa che so è che non servono le piste ciclabili, più parcheggi, meno smog e le madonne girate. Non avete bisogno di sindaci di destra, né di quelli di centro sinistra, e sinistra. Non è un battaglia tra PdL e PD, quella cittadina. È un tremenda ed inutile, invincibile, guerra tra “buongiorno”“tanto è uguale”.
    Ecco, io la penso così. Penso che cambiare sindaco ci farebbe bene, penso – spero – che saremmo governati meglio. Che sì: piste ciclabili e parcheggi e aria pulita e utilizzo degli appartamenti sfitti e tutto il resto. Ma non penso che siamo cambiati noi, noi presi nel nostro insieme. Voterò Pisapia, con la convinzione che sia una scelta giusta e con lo sfinimento rabbioso che mi rendo conto di provare nei confronti di Letizia Moratti e il resto della sua compagnia. Ma io non mi sento diverso, non lo sono: e come me, i miei concittadini.

    2 Responses to “Loro due, e noi”

    1. Mr Potts Says:

      A margine, lo “sfinimento rabbioso” è forse, sul piano degli atteggiamenti, la conseguenza più velenosa dei modi di quella “compagnia”. Al mio livello minimo, mi hanno reso peggiore. Di qui, appunto, la rabbia.

    2. Gio Says:

      “Ma non penso che siamo cambiati noi”.

      Il signor G cantava “ma io dico che la colpa è nostra” e allora forse siamo proprio noi i primi a dover cambiare, e non i sindaci…

    Leave a Reply