< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/05/2011

    La notte della finale, come da bambino

    Filed under: — JE6 @ 19:28

    Ormai guardo tre-quattro partite di calcio all’anno – mi annoio, faccio zapping, se trovo una bella scena di L&O Criminal Intent mi fermo e poi mi dimentico che di là sta per finire il primo tempo, datemi un ottavo inning di baseball e sarò un bimbo felice. Però stasera giocano le due sole squadre che riescono a tenermi con il dito fermo (poi sì, il fatto di stare in casa di altri, soli uomini e birre fredde aiuta), le due sole squadre che mi riportano a quella passione lontanissima che mi faceva tifare Ajax e Heart of Midlothian e altre squadre improbabili, non tengo nessuno, mi guardo lo spettacolo, va bene così.

    There’s a hole in my life

    Filed under: — JE6 @ 08:38

    Si può vivere abbastanza a lungo per vedere le buche nelle strade della propria città diventare questione di interesse nazionale.
    PS – Per come la vedo io, questo pezzo dice tutto quel che c’era da dire sulla campagna elettorale di Milano. E quindi fa capire anche tutto quel che *non* c’era da dire.