< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • May 2011
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/05/2011

    When I am sixty-two

    Filed under: — JE6 @ 13:09

    A margine della festa di ieri sera – stavo per scrivere manifestazione; ma, appunto, era una festa: la piazza era piena di ragazzi. Ragazzi proprio, non quella categoria italiana dove pure il sottoscritto è giovane. E che parevano fregarsene bellamente del fatto che il protagonista della serata, il loro nuovo sindaco fosse un sessantaduenne – il fatto è che la gente molto spesso della carta d’identità se ne frega bellamente, così come degli intellettuali Wired-style de noantri.

    Campioni del mondo (the day after)

    Filed under: — JE6 @ 09:33

    Ieri sera stavo lì, in Piazza Duomo. Non so quanti eravamo, non mi sono preoccupato di andare a controllare i numeri, eravamo tanti e questo basta. Non sto a dire che gente ci fosse, di foto in giro se ne trovano millemila e ognuno si può fare un’idea. Quello che posso dire è che a me pareva di stare bene, mi pareva che tutti stessero bene: e in modo tranquillo, allegro, quasi stupito, come succede quando passi dodici ore seduto alla scrivania dell’ufficio e poi esci con i colleghi e fuori c’è ancora tanta luce; non c’era aggressività, non c’era rivalsa, non c’era la frenesia rabbiosa da occhi sbarrati e iniettati di sangue che tante volte si vede in occasione di una delle molte celebrazioni che costellano il calendario sociale. C’era soltanto tanta gente che si godeva una vittoria faticata, meritata e inattesa, gente che per una sera non aveva voglia di fare le pulci a se stessa, passando sopra al trito parterre de roi dei Bisio-Costa-Finardi-Gianco-bellaciao, che non aveva bisogno di dire a quelli che “tanto sono tutti uguali” che allora prego, accomodatevi là, fuori, sappiamo benissimo chi ha vinto – noi – e chi non ha vinto – voi – perché era tutto evidente, netto, palese. Diceva bene, come sempre, lei: i sogni si infrangono all’alba – ma non prima – e per stasera la realtà vera non ci interessa. A quella ci pensiamo oggi: e pure oggi, nonostante lo specchio ci restituisca il nostro ritratto fatto di rughe e doppi menti e capelli da portare al parrucchiere, pure oggi siamo campioni del mondo.