< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Io e il generale (di domande, risposte, presenze e assenze)
  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • July 2011
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/07/2011

    In riunione

    Filed under: — JE6 @ 17:05

    E’ un periodo un po’ così, sono settimane che passiamo metà del nostro tempo in riunione. Nuova struttura, nuovi uffici, nuovi processi. Nuovi colleghi, almeno in parte. Ci sono giorni che passi in questo modo sei, sette ore, e intanto devi tenere a mente il lavoro di tutti i giorni, quello per il quale sei pagato, per il quale sei stato assunto. Da una parte hai quella specie di eccitazione delle cose nuove, nelle quali – poco o tanto – puoi mettere mano. Dall’altra hai la stanchezza crescente del fisico – fa caldo, fa un dannato caldo, e oggi sei a Pesaro, dopodomani a Venezia, Corso Buenos Aires, Francoforte, Segrate, Roma, a che ora ci vediamo, per me sarebbe meglio la prima mattina, va bene allora facciamo alle diciassette, ma sei impazzito mi hai mandato un messaggio all’una e mezza di notte per dirmi che domani è meglio se mettiamo la giacca – e della testa, che a colazione ti rendi conto che hai il cucchiaio pieno di cereali fermo davanti alla bocca e il cervello che pensa alle cose da fare tre quarti d’ora dopo, e una parte di esso sta dicendo ragazzi, che anno che è stato, e non è finito. Ci sono riunioni che iniziano tranquille e finiscono altrettanto, dai così mi piace, bel lavoro, altre che la gente si siede con l’aria del condannato a morte e dopo cinque minuti potresti disegnare i cavi dell’alta tensione che passano sopra il tavolo di cristallo. Niente di nuovo, niente di particolare, niente di strano, ho visto di peggio e c’è chi sta peggio. Solo, se avvertite un po’ di nervosismo, sapete perché. Adesso andiamo a berci un caffè, già che ci siamo parleremo di cose che ci sono rimaste in arretrato, voi non abbiatevene a male.