< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • August 2011
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/08/2011

    La nuvola

    Filed under: — JE6 @ 18:57

    Si avvicinò alla curva del sentiero camminando lentamente, passando gli occhi dalla punta degli scarponi alla cresta delle montagne grigie. Aveva la testa vuota, nessun pensiero, nessun sentimento. Proprio di fronte a sé vide la nuvola, in corrispondenza di una delle cime della catena. Dapprima non vi fece caso, era una delle cento forme di panna di quella giornata magnifica, mutevoli e brillanti come aveva visto nei cieli del Nord Europa. Poi la fissò con più attenzione, sorrise guardandone la sagoma, identica a quella vista in cento brutti film e mille documentari, un fungo piantato sulla vetta di una montagna. Quando arrivò alla curva del sentiero gli si aprì davanti agli occhi il panorama intero della catena montuosa, centinaia di chilometri di spuntoni e colli e valichi. La nuvola a forma di fungo stava sempre lì, più grande di tutte le altre, e ferma, immobile. Si fermò anche lui. Da una tasca dello zaino estrasse una borraccia. Mentre se la portava alla bocca vide un punto nero che si muoveva, uscendo dalla nuvola e puntando verso l’azzurro del cielo terso. Strizzò gli occhi, e vide che era un aereo.

    Leave a Reply