< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • November 2011
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/11/2011

    Enter title here

    Filed under: — JE6 @ 10:57

    Non ho ancora deciso cosa penso della prossima chiusura di Splinder, l’armadio dove stanno conservati i vestitini del primo anno di vita di questo blog. Forse che l’immagine dell’armadio non è quella più giusta, che gli archivi sono come gli album delle fotografie e che molto spesso a guardare come si era si muore dall’imbarazzo e che l’oblio è spesso ingiustamente sottovalutato, non so.

    2 Responses to “Enter title here”

    1. lester Says:

      Io, francamente, sono triste. Le fotografie del passato possono essere imbarazzanti, e si può anche decidere di tenerle nel cassetto e non guardarle mai, ma se qualcuno decidesse di dargli fuoco sentirei che mi sta rubando qualcosa.

    2. Stella Says:

      C’è una foto del passato che non vorrei mai perdere e che guardo raramente, ma che è impressa dentro me! Quella dove io ero piccolina e sembravo una bambolina di “Holly Hobbie” ed accanto a me ci stava una Persona Speciale! Beh! Ecco quella lì non sta in un cassetto, segue me nei miei spostamenti ed è ormai da tempo fuori dalla sua cartelletta. Perderla? Un trauma!
      Poi non importa come siamo diversi, non importa non ritrovarsi e no, l’imbarazzo non può esserci … eravamo le persone che saremmo diventate! Belle nella loro semplicità. Ogni percorso bello,sbagliato o importante ci ha formati. Come un bel quadro nell’abbozzo s’intravede la figura che si otterrà più avanti, a volte però l’abbozzo era venuto più dolce o rendeva di più nonostante fosse incompleto, ma di fondo il quadro rappresenterà anche quell’abbozzo.

    Leave a Reply