< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • January 2012
    M T W T F S S
     1
    2345678
    9101112131415
    16171819202122
    23242526272829
    3031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/01/2012

    Santi, poeti, eccetera

    Filed under: — JE6 @ 13:54

    Io, per quanto l’argomento mi annoi a morte, sono dispostissimo ad ascoltare seriamente gente che si ritiene in grado di mettere in campo una squadra di calcio facendola vincere, visto che il calcio è in fondo una questione di ventidue persone che si contendono o spartiscono un pallone nella speranza di buttarlo in fondo alla rete (altrui), cioè una questione molto più semplice di quanto non vogliano farv(c)i credere i commentatori di professione, e quindi davvero alla portata di comuni mortali che si guadagnano il pane (se e quando ci riescono) giustificando quell’impiegato che si ritrovano sulla carta d’identità alla voce professione. Non so perché, sarà che ho un brutto carattere, sono molto meno disposto a perder tempo la stessa gente che si picca di conoscere per filo e per segno dettagli e ricadute di sistemi elettorali di un bizantinismo quasi artistico, prendendosi tanto sul serio da sembrare un qualunque ospite di Ballarò.