< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • La fine di un giorno
  • Dove troviamo binari
  • Quando sei fuori
  • Il mio verso libero
  • March 2012
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/03/2012

    Greetings from Ljubljana 2012 – I lavoratori della musica

    Filed under: — JE6 @ 19:19

    Prendo la via che mi porta all’albergo. Davanti a me camminano due uomini, uno porta sottobraccio un corno, o forse un flicorno, e a tracolla un grosso tamburo, l’altro ha due corni, uno per braccio, uno grosso, molto grosso. Camminano quasi piegati dal peso degli strumenti e mi pare di rivedere quei suonatori di guitaron di Tijuana che alle dieci del mattino andavano lenti verso le vie dei ristoranti per iniziare la loro giornata lavorativa, hanno gli stessi capelli scuri, la stessa corporatura un po’ tozza, la sola differenza sta tra la luce lancinante di una mattina dell’ottobre messicano e il crepuscolo del marzo sloveno, per il resto sono lavoratori della musica di strada che si guadagnano il pane suonando quella che i turisti vogliono credere sia la musica tradizionale del luogo, Avenida de la Revolucion e Presernov Trg. I due uomini si fermano, un terzo viene loro incontro e prende con sè il tamburo, io gli passo accanto, gli ottoni brillano sotto la luce dei lampioni già accesi e dell’insegna di un locale dal nome inglese. Ridono, non sembrano stanchi, forse hanno avuto una buona giornata, hanno guadagnato bene qualunque cosa questo voglia dire. Si fermano a parlare, con i loro strumenti sotto braccio.

    4 Responses to “Greetings from Ljubljana 2012 – I lavoratori della musica”

    1. Stella Says:

      Poco distante dalla musica….Una donna dai lunghi capelli scuri, seduta su di un gradino alto che porta all’entrata di un grande edificio, scrive alla luce fioca del lampione. Scrive delle tante storie che immagina di vivere, ascoltando quella musica dai toni così marcati e cadenzati. Quasi non distoglie gli occhi dall’uomo più grosso, sembra quello che catturi di più l’attrattiva dei passanti, rispetto a tutto il gruppo. Ha una barbetta corta e spelacchiata bianca, occhi vivaci scuri e delle grandi orecchie, tante rughe profonde come le sue grandi emozioni. Nel suo racconto breve la donna descrive la solitudine di quell’uomo,che dopo aver salutato gli amici di banda, torna a casa. Ha un cane che lo aspetta ed un letto disfatto.

    2. Stella Says:

      Sir,sempre un piacere poter partecipare al suo viaggio! Anche se non sono stata mica invitata, spero non le dispiaccia!

    3. Stella Says:

      Ok

    4. laflauta Says:

      E ancora più lontano, una donna bionda, a tacciarla del fatto che con tutto quel che l’ha fatta studiare, non sa riconoscere un corno da un flicorno. CHe son due cose opposte. Porca misera.

    Leave a Reply