< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Accumuli
  • Da fuori, standoci dentro
  • Grazie
  • Compagni
  • L’Italia fuori dalla mischia
  • Oval Office
  • Tennis, tv, trigonometria, scissione
  • Vincere le battaglie e perdere le guerre
  • Il potere di una virgola
  • Partiti
  • May 2012
    M T W T F S S
    « Apr   Jun »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    08/05/2012

    Si sta come le Pagine Gialle davanti ai portoni

    Filed under: — JE6 @ 17:43

    Qualcuno prova un senso misto di vergogna per lo spreco e pietà per chi ha fatto il lavoro e allora si china, prende il volume in mano, apre il portone, entra in ascensore e poi in casa e lo appoggia da qualche parte – un portariviste capiente, la scrivania dello studio, un angolo libero della libreria – senza nemmeno strappare il cellophane di protezione. Qualcuno, dopo aver preso il volume in mano, non fa che girare due angoli, portarsi alle spalle del palazzo, aprire il bidone bianco della carta da riciclare e buttarcelo dentro – a volte dimenticandosi di toglierlo, quel cellophane. Qualcun altro non fa nemmeno lo sforzo, ci penseranno quelli delle pulizie condominiali. E fino a quando questi ci pensano per davvero i volumi rimangono lì, a fianco del grande zerbino del portone di ingresso, impilati uno sull’altro, spessi la metà di quanto non fossero solo cinque anni fa, pieni di numeri di telefono che nessuno consulta più, ci restano per giorni e giorni – sembrano una metafora di qualcosa, se solo si capisse di cosa.

    2 Responses to “Si sta come le Pagine Gialle davanti ai portoni”

    1. .mau. Says:

      le pagine gialle vengono scellofanate per prendere il tuttocittà, ché l’analogico a volte è meglio del digitale.

    2. Dave Says:

      Dev’essere una metafora carica di significato, però, perché se ne vedono di accatastate e abbandonate un po’ ovunque.

    Leave a Reply