< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • June 2012
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/06/2012

    Comes a time

    Filed under: — JE6 @ 14:10

    Sto seduto sulla poltrona del barbiere, che mi sa è ancora quella di quando hanno aperto il negozio e non arrivava la metropolitana e in giro vedevi quasi solo 500 e Aldo Moro era vivo e presidente del consiglio. La radio passa Comes a Time e ho subito dodici anni, a me Neil Young non è che piacesse più di tanto ma il mio migliore amico dell’epoca, che sarebbe rimasto tale per una decina d’anni fino a quando università e lavoro e tutto il resto non ci avrebbero mandato uno da una parte e uno dall’altra del quartiere per non farci rivedere praticamente mai più, lui Neil Young lo amava proprio, e allora quando stavamo a casa sua ad ascoltare musica non c’era modo di evitarlo e sai com’è con le canzoni, le senti mille volte e alla fine o ti viene il vomito e non ti ci vuoi più avvicinare per il resto della vita oppure diventano parte di te come una camicia stinta che non tiri fuori più dall’armadio ma non ti azzardi a buttarla via. Mi rendo conto che il testo non l’ho mai saputo, forse il mio amico lo conosceva a memoria – credo di sì, ma magari fingeva di saperlo e cantava in inglese come Celentano, chissà – ma io no di sicuro, allora vado a leggerlo e niente, ovviamente parla di cose che noi mica potevamo capire, comes a time when you’re driftin’ e poi ritrovarsi, guardare questo vecchio mondo che continua a girare e gli alberi che non si spezzano, che stanno sempre lì, lo vedi che c’è un tempo per ogni cosa – o almeno dovrebbe esserci, poi alla fine è questione di fortuna, c’è un tempo per ogni cosa ma non è detto che sia il tempo giusto, Delitto e castigo avrei dovuto leggerlo allora e perdermi e struggermi dietro a Raskolnikov e Sonecka, non oggi che conto quante pagine mancano alla fine e basta diobono con tutte queste svenevolezze, e Comes a time avrei forse potuto godermelo oggi però, dai, si fa quel che si può, va bene anche che mentre il rasoio passa sulla nuca tu socchiudi gli occhi e muovi appena le labbra per dire camsetaim, il barbiere ride, chissà quando ricapita a me di risentire questa canzone e a lui di vedermi ragazzino.

    Leave a Reply