< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Libri
  • Broncio
  • Kefiah
  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • September 2012
    M T W T F S S
    « Aug   Oct »
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    04/09/2012

    Game over, ma anche no

    Filed under: — JE6 @ 13:11

    Non conoscevo Alessandro Marzi se non per quei dodici minuti girati da Biccio. Non dirò niente di lui, potrei dire che capisco benissimo il dolore di Fabrizio per la perdita di un amico, di una sorta di fratello con il quale hai passato insieme una vita, e pure il momento della morte: come tanti, ci sono passato anch’io. E ogni tanto ho la sensazione che non se ne venga fuori mai per davvero. Dicono che il tempo cura le ferite, forse è vero e forse no. Dicono che il tempo fa dimenticare, e invece su questo una certezza ce l’ho – fa dimenticare le cose e le persone che non contano così tanto. Le altre non le dimentichi mai, rimangono lì, a farti male e consolarti al tempo stesso. La morte è un gigantesco e irrimediabile game over. Ma in fondo, anche no. A suo modo, c’è una qualche consolazione anche in questo.