< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • November 2012
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    15/11/2012

    Tu grillo parlante

    Filed under: — JE6 @ 18:00

    hai tanto girato 
    sei tanto istruito 
    e allora adesso 
    impara un’altra verità: 
    a fare il profeta, mai 
    nessuno ci guadagnerà

    Quattro milioni e mezzo di persone. Sono tante, no? Sono quelle che qualche sera fa si sono piazzate sul divano a guardare il confronto televisivo tra i candidati alla guida della coalizione di centrosinistra. Un trionfo: share alle stelle, la cravatta viola di Renzi, le pagelle del Corriere, l’inizio della fine di Vespa, l’influenza di Vendola, un paio di quintali di articolesse e post e tweet sul Pantheon della sinistra Papa Giovanni incluso – insomma, le magnifiche sorti e progressive in sedici noni ad alta definizione, come se avere nove milioni di occhi che guardano quello spettacolo di varia umanità significasse davvero entrare in contatto con la gente, con gli elettori, con i cittadini: con noi, diciamo così. Poi arriva un ministro, si chiama Fabrizio Barca e non deve essere proprio uno di facili entusiasmi, e come il fanciullino pascoliano – quello che nel momento della massima allegria altrui dice con tono serio le cose che riportano tutti con i piedi sulla terra – butta lì queste ventidue piccole, preziose parole: “Per quanto riguarda il PD mi piacerebbe vedere lo stesso entusiasmo speso per un confronto televisivo anche per l’impegno sul territorio”. Come va a finire, lo sapete anche voi no?

    One Response to “Tu grillo parlante”

    1. sonc Says:

      un milione e otto (e no, non sono particolarmente tante)

    Leave a Reply