< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • November 2012
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/11/2012

    E i professori dell’altro ieri stanno affrettandosi a cambiare altare

    Filed under: — JE6 @ 09:54

    Hai presente i tifosi delle squadre di calcio, i Tifosi con la maiuscola, quelli che quando guardano le partite hanno la giugulare grossa quanto un oleodotto russo? Quelli che al trentasettesimo del primo tempo “X è un cane, buttalo fuori, non ne fa una giusta, è il più scarso giocatore che abbiamo mai avuto nella storia” e al trentottesimo, subito dopo che X ha segnato, “te l’avevo detto, è un grandissimo, non tocca palla per tutta la partita ma quando serve c’è sempre, mai più senza”? Ecco, c’è questa cosa del Nord, la parte avanzata del paese, quella moderna, quella che anzi la modernità la guida, la detta, la plasma, e che al primo turno delle primarie del centrosinistra ha scelto Bersani. Certo, con qualche rilevante eccezione come il seggio nel quale ha votato Luca Sofri, ma insomma, ecco, non c’è una regione del Nord – una sola – dove Bersani non abbia vinto. E adesso oplà, i professori dell’altroieri cosa fanno? Puntano il ditino sulle regioni del centro, Toscana, Umbria, guardate guardate, le roccaforti rosse hanno scelto il nuovo, il futuro lo disegnano Spello e Pontassieve, date retta a noi. Io non so come finiranno queste primarie, non lo so davvero. Ma so che, se solo non fossi terrorizzato dall’idea della vittoria di Matteo Renzi, vorrei passare tutto lunedì sul divano a sentirmi i professori di dopodomani pontificare su un’altra piroetta di noi che andiamo a votare, l’ennesima che non hanno saputo prevedere, l’ennesima che non sanno spiegare.