< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • Supereroi
  • November 2012
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    29/11/2012

    Big Bang

    Filed under: — JE6 @ 19:10

    Un giorno dovremo riparlare di questa idea così diffusa, quella che noi – la c.d. società civile – siamo migliori della c.d. classe dirigente che ci guida. Lo spettacolo offerto dalla prima in occasione delle primarie* del centrosinistra è semplicemente imbarazzante; c’è l’imbarazzo della scelta, davvero, e non si salva nessuno di questo nostro popolo di santi, poeti, evangelisti e twittatori compulsivi: al posto di Bersani e persino di Renzi direi “fatela finita, siete ridicoli, mi vergogno di voi”, è che purtroppo i tempi non sono ancora pronti per il ritorno di Lenin. Se quelli dall’altra parte non fossero ridotti come stanno, dovrebbero solo sedersi in riva al fiume aspettando il passaggio dei resti del nostro collasso intellettuale, del Big Bang del nostro cervello, poi gli basterebbe alzarsi, scuotersi un pochino di polvere dai pantaloni e andare da Napolitano a farsi dare l’incarico per manifesta assenza di avversari credibili. Invece son messi persino peggio di noi: così ci toccherà vincere le elezioni, che è una cosa che davvero non ci meritiamo.

    * La prossima settimana si riprende a parlare d’altro, promesso.

    One Response to “Big Bang”

    1. Anonymous Says:

      Non è che npn ve lo meritate, non vi interessa vincere. Pardon: non “ci” interessa vincere, visto che sono anch’io del PD 😉 http://lorenzoaldini.wordpress.com/2012/11/30/effetti-non-secondari-delle-primarie/

    Leave a Reply