< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trattato di pace
  • La benda
  • Fiscal Chernobyl
  • I cimiteri di Trieste
  • Dentro Chernobyl
  • Le cose importanti
  • Poi si mette lo zinco nell’acido diluito (venticinque aprile)
  • L’arco
  • Verso sud
  • Voci
  • January 2013
    M T W T F S S
    « Dec   Feb »
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    19/01/2013

    Pesci rossi

    Filed under: — JE6 @ 19:01

    Aspetto più o meno tranquillamente il mio turno – le solite cose, far vedere delle analisi, come va, è passata sua mamma l’altroieri – quando dalla porta esce questa donna, piccolina, vestita bene come può farlo qualcuno che a fine mese ci arriva trattenendo il respiro, con quindici chili di troppo che da tanti anni ha rinunciato a perdere perché per dimagrire ci vuole una tigna che a volte nella vita non ci si sente di dedicare. Da una delle sedie si alza un’altra donna, una di quelle conoscenze di quartiere, forse la madre di un compagno di classe del figlio quando andava alle elementari, o una di quelle facce che si vedono tutte le mattina all’altezza della terza porta del primo vagone della metropolitana fino a diventare conoscenti senza nemmeno sapere il nome l’una dell’altra; buongiorno signora, come sta, e quella che è appena uscita dalla porta risponde flebile qualcosa che sembra una frase fatta, di quelle che suonano finché ci vediamo significa che va bene e poi improvvisamente scoppia a piangere, e scoppiare è l’unico verbo che ha un senso, che riesce a descrivere la forza delle lacrime che le vengono fuori dagli occhi, scusi sa, è che oggi è l’anniversario della morte della mia mamma, lo sa che si è buttata giù dal balcone, non c’è giorno che non ci pensi, non c’è giorno che questa cosa non mi torni in mente. L’altra donna riesce ad abbozzare una risposta di circostanza, dice eh lo so anche se ovviamente non lo sa, come fai a sapere, tu una madre che è salita su una sedia e si è lasciata cadere dal sesto piano mica ce l’hai, e intanto noialtri in sala d’aspetto approfittiamo del fatto che intorno alle due donne si è creata una specie di bolla e noi possiamo guardarle come se osservassimo due pesci in un acquario, curiosi che non danno fastidio perché non vengono notati. Fisso la signora che piange, penso a quanto sarebbe più comoda una vita senza memoria, proprio come si dice che sia quella dei pesci rossi, nessun ricordo, nessun dolore, nessun rimpianto, nessuna nostalgia, nessuna cattiveria, nessun abbandono, nessuna immagine che viene a trafiggerti senza preavviso mentre stai comprando mezzo chilo di pane, mentre stai sentendo senza ascoltarla una canzone alla radio, mentre stai guardando nello specchietto per passare nella corsia di sinistra. Poi sì, certo, non ci sarebbero nemmeno i ricordi belli, a qualcosa si dovrebbe pur rinunciare; ma in questo momento provo a mettere due pesci rossi al posto delle due donne in quella bolla che sta al centro della sala d’aspetto, e non riesco a immaginarmeli più infelici di così.