< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Dormi, dormi
  • Mare mosso senza onde
  • Uno dei giorni
  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • February 2013
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/02/2013

    Stories of the Bund – Il sabato del villaggio

    Filed under: — JE6 @ 10:11

    Arrivo a Shanghai nel primo giorno lavorativo dopo le feste del capodanno cinese. Qui la tradizione vuole che per iniziare il nuovo anno uno torni al suo paese natale, così le città si svuotano e milioni di persone ritornano, chissà quanto di buon grado, nelle campagne dove sono cresciute. Del primo giorno dell’anno c’è l’atmosfera, quella specie di rilassata spossatezza che prende dopo le grandi feste: non ho mai visto così poche macchine e persone in giro per le strade, non ho mai sentito tanto silenzio in questa città immensamente grande, popolata e rumorosa. Sembra di girare per Milano alle otto del mattino del primo gennaio, o per Bourbon Street alle nove di un qualsiasi mattino feriale quando le suole rimangono attaccate all’asfalto impastato di birra e vomito. E’ bellissima Shanghai in questo momento, una sera di vento gelido, di stelle luminose attaccate agli alberi che ballano come foglie in autunno, di fiori viola messi per lunghe intere pareti a dare colore, di aria limpida (dice che quest’anno i fuochi beneaugurali sono stati ridotti della metà per non rendere le città ancor più inquinate di quanto già siano di solito, chissà se dimezzare la festa serve a qualcosa, se porta bene o no): pare un villaggio che va a finire il suo sabato, non importa se le regole del business lo hanno reso lavorativo, con una specie di lungo sospiro a darsi forza per l’anno che sta arrivando, e che tra un anno finirà.

    Stories of the Bund – Entrando nella notte

    Filed under: — JE6 @ 09:58

    Regolo il display sulla mappa di volo, e lo seguo – l’Austria, l’Ungheria, la Polonia, l’eterna Russia e l’ancor più lunga Cina. Guardo la riproduzione del mappamondo e la linea che segna il tramonto, a sinistra la luce e a destra il buio, qui il giorno e là la notte, e il simbolo dell’aereo che va a buttarsi dentro quella notte correndo così veloce che ci lascerà a Shanghai dentro la nuova luce dell’alba. Penso che ci sia qualcosa di simbolico in tutto questo, ma non ho ben chiaro cosa, chissà se i prossimi giorni me lo faranno capire.