< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2013
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/10/2013

    Nella bolla

    Filed under: — JE6 @ 18:00

    Nel momento in cui lui le si avvicina è come se cambiasse il tempo, quello atmosferico. Lei spegne il sorriso che ha tenuto fino a pochi secondi prima, volta appena il viso per ascoltare quello che lui le dice avvicinandole la bocca all’orecchio, e tutt’intorno si avverte una specie di freddo conto terzi. Lui le dice un paio di frasi, con quell’aspetto di uno che parla facendo finta che quello che sta dicendo non abbia niente alle spalle, e lei risponde con una serietà che dissimula a stento un misto di ira e freddezza e disgusto e compassione. Intorno la vita va avanti come se niente fosse. Loro restano in quella bolla per trenta, quaranta secondi, forse un minuto. Poi lui la saluta, lei risponde con un ciao che potrebbe essere rivolto a un sasso, la bolla si rompe e tutto finisce, o è rimandato a domani, o a chissà quando.