< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • Mustafa e mia mamma
  • Libri
  • October 2013
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    28293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    27/10/2013

    Suoni

    Filed under: — JE6 @ 16:21

    Sto sul marciapiede della fila di piccoli negozi. Aspetto che il barbiere torni dalla sua pausa pranzo, apra la porta del locale, mi faccia entrare, fare quattro chiacchiere e sedere sulla poltrona per mezz’ora di taglio muto e complice, come se fosse riposo non solo per me ma anche per lui.
    Appoggio le spalle alla vetrina. Alle due del pomeriggio di sabato i quartieri di periferia possono essere silenziosi come un paesino di provincia. C’è un sole caldo che se non giri il volto dopo due minuti ti senti la guancia scottare. E’ uno di quei giorni che si possono lasciare le finestre aperte, e cambiare aria senza aver freddo, illudendosi che il brutto tempo sia finito. Da una casa si sente distintamente la voce di un bambino piccolo, avrà tre o quattro anni, che gioca e ride. Solo lui (o chissà, lei), niente adulti che gli dicano di stare fermo, di stare attento, di non gridare, di non correre, di non farsi male. Poi faccio attenzione a un altro suono, viene dall’alto, sopra la mia testa, direi dal secondo piano del palazzo. Tecnicamente è un respiro, ma di certo ha un altro nome: un rantolo, forse. Un uomo anziano e malato, dai polmoni troppo stretti. Quando inspira la fatica la puoi toccare con mano, è un cigolio di ingranaggi fuori asse, molecole di ossigeno che fanno a testate per passare dalla bocca spalancata e secca alla faringe e poi più giù. E’ un rantolo ritmico che parte dal letto dove l’uomo è sicuramente steso per uscire dalla finestra e incontrare, nell’aria ferma di un sabato pomeriggio, le risate di un bambino piccolo, mentre in strada non passano macchine e sul marciapiede non passano persone.

    Leave a Reply