< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Primo quadrimestre
  • Ufficio reclami
  • Tenere il punto
  • Alla fermata
  • Come petali
  • Come se fosse cosa viva
  • Un antidoto contro la solitudine
  • What’s next?
  • Se non hai niente da nascondere
  • Una vita fa
  • November 2013
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/11/2013

    Quelli che partono da soli

    Filed under: — JE6 @ 12:33

    Quelli che partono da soli non sono tutti uguali. E non importa quanto il viaggio che li aspetta è lungo, e dove li porta. Alcuni da soli non ci sanno stare: e allora si inventano telefonate che non farebbero mai, sì ho mangiato un panino al bar tu come stai ti chiamo appena arrivo, e poi scrivono mail e mandano messaggi, tutto pur di stare con qualcuno. Sono quelli che sul treno non hanno sonno ma cercano di addormentarsi, e quando non ci riescono si alzano e vanno al bar. Poi ci sono quelli che da soli ci stanno, e bene. E sbrigano le ultime cose, le telefonate che devono fare e le mail che devono spedire, e prendono posto e non chiudono gli occhi, ma guardano – guardano fuori dal finestrino, e le facce di chi gli sta intorno. Quelli che partono da soli e sanno starci hanno sempre qualcuno che li cerca, e a loro non dispiace, sanno che è bello, e anche giusto. Ma gli bastano la pianura fuori dal finestrino, le nuvole fuori dall’oblò.
    (Questa mattina ho ritrovato una foto, scattata da qualche parte della Union Station di Chicago. Su un muro si vede la scritta Amtrak, quella dei treni. Ma ho il ricordo che quella sia la sala dove si prendono e recuperano i bagagli anche dei pullman, dei Greyhound. C’è un uomo con un cappello da cowboy, una camicia scura e una maglia della salute bianca. Ha i tratti somatici di un ispanico, un giornale appoggiato vicino alla gamba e una piccola borsa morbida nella quale sta cercando qualcosa. Mi chiedo ancora oggi dove stesse andando – El Paso, Amarillo, Phoenix – quante decine di ore e migliaia di chilometri avesse davanti. Aveva la faccia di uno che bastava a se stesso, di uno che sapeva viaggiare da solo; e io avrei voluto viaggiare con lui, stando a distanza, e guardandolo per tutto il tempo)

    Leave a Reply