< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Primo quadrimestre
  • Ufficio reclami
  • Tenere il punto
  • Alla fermata
  • Come petali
  • Come se fosse cosa viva
  • Un antidoto contro la solitudine
  • What’s next?
  • Se non hai niente da nascondere
  • Una vita fa
  • November 2013
    M T W T F S S
    « Oct   Dec »
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    252627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    23/11/2013

    Compagni di classe

    Filed under: — JE6 @ 09:42

    Raccontami qualcosa, dice lei. Non saprei cosa, risponde lui guardando fuori dalle vetrate, è passato così tanto tempo, ci sono state così tante cose che è come se non fosse successo nulla. Lei porta gli occhi sulle altre persone, quelle sedute sul divano, quelle dei baci, degli abbracci, dei come stai, ti trovo in forma stupenda, dove abiti, cosa fai, ti ricordi quella volta che. Sì, è vero, dice. E’ passato proprio un sacco di tempo. Non ero sicuro di venire. Nemmeno io, però sono contenta. Sul palco passa la musica di un altro secolo. Guarda che fisico la R., dice lei, è proprio rimasta uguale. Nel rumore le persone sul divano e quelle sulle poltrone alzano la voce per parlarsi, si fanno segni, è più facile raccontare di trent’anni prima che dell’altroieri, è più facile riderne perché quelli non eravamo noi, erano altre persone. Qualcuno guarda l’ora sul display del telefono, è sabato da un pezzo ormai, dove hai la macchina, in quella via, e voi, noi da questa parte, verso la rotonda, mi ha fatto piacere vederti, anche a me, qualcuno mi accompagna alla macchina, ciao ragazzi buonanotte. Ragazzi.

    One Response to “Compagni di classe”

    1. Stella Says:

      In una panchina di fronte, una piccola figura dai lunghi capelli chiari. Scrive qualcosa ed accompagna un sorriso alla successione senza sosta di parole per ciò che sta per comporre. Sorride! Io saluto i ragazzi e Lei attira la mia attenzione tanto da far divenire sfocati gli addii e i saluti. Cosa fa? Cosa ha da sorridere così di cuore?…ma uno dei presenti mi prende per il braccio mi strattona nel salutarmi e mi batte la spalla..sentiamoci eh?…risfocando l’immagine rivedo gli occhi di chi mi sorride commosso e ricambio il calore!
      Stella

    Leave a Reply