< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Primo quadrimestre
  • Ufficio reclami
  • Tenere il punto
  • Alla fermata
  • Come petali
  • Come se fosse cosa viva
  • Un antidoto contro la solitudine
  • What’s next?
  • Se non hai niente da nascondere
  • Una vita fa
  • May 2014
    M T W T F S S
    « Apr   Jun »
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    11/05/2014

    La gomma

    Filed under: — JE6 @ 17:00

    Io cancello ricordi. Non lo faccio di mestiere, ogni tanto un amico, o un’amica di un amico arriva, bussa alla porta, si siede, io gli offro un caffè e così inizia tutto. Ogni volta. Non mi faccio pagare, non chiedo niente. Ho il mio lavoro, quello mi basta. Perché lo faccio? Perché c’era uno che diceva che la vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda. E allora perché non provare a passare una gomma su quella riga di matita? Come faccio, come succede: non lo so. A quel caffè ne segue sempre un altro, e un altro ancora. Io sto lì, ascolto. Mi faccio ripetere le cose cento volte, ma dov’eri seduta, cosa vedevi, che parole ti ha detto. E poi ancora, ma dov’eri seduta, cosa vedevi, che parole ti ha detto. E poi ancora. Perché è come quando parli, se una parola la dici dieci volte di fila, e poi venti, e poi cinquanta, e poi cento, alla fine quella parola non significa più niente, diventa solo un suono, uno come tanti altri, e in mezzo a tanti altri scompare. Certo, la gomma non può sempre essere precisa. Cancelli la riga, ma ti capita di sbavare e togliere qualcosa che stava vicino, e che magari avresti voluto tenere. Qualche volta succede, l’amico o l’amica dell’amico ripassa, magari per una birra e non più per il caffè e quando arriva a metà della bottiglia guarda verso la finestra e mi dice sai che, e io rispondo dimmi, e lui, e lei continua, sempre senza guardarmi perché da una parte mi è riconoscente e non vuole che io pensi madonna che ingratitudine, e mi parla di una persona alla quale un tempo teneva, non lo sento più, non la chiamo più, e perché gli chiedo io e allora si gira, a quel punto mi guarda con un’espressione smarrita, vorrebbe dirmi ma se non lo sai tu come faccio a saperlo io ma non lo fa, riprende la bottiglia e se la finisce, io mi alzo, questa volta la finestra la guardo io, e la risposta non la so, perché chi lo sa chi per davvero ha passato la gomma e non ha avuto la mano ferma, o ha passato la gomma, si è fermato per un momento e poi ha pensato che una riga non era sufficiente, che è meglio abbondare e se ci va di mezzo un innocente ce ne faremo tutti una ragione, ma anch’io sto zitto, torno al tavolo, prendo la mia bottiglia e la finisco in silenzio.

    2 Responses to “La gomma”

    1. Stella Says:

      Ritorna il buio, il silenzio ha dato però significato a quel nulla detto. Non erano distanti che di pochi passi, ma restavano seduti nelle loro poltroncine attorno a quel tavolo tondo in vetro, con sotto una moquette troppo blu per contare. Mancava l.aria, eppure quella finestra era aperta, e l.aria che entrava, faceva svolazzare quella tenda bianca. C.era un bicchiere con,dell.acqua e lui mise la sua medicina dentro, ma non lo fece così come capitava, no, aprì il lato superiore della busta con uno strappo deciso ed allargó i due lembi da dove poi uscì la soluzione in polvere per il suo male alla gola, ci doffriva molto, così come molto doveva usare la sua voce, ma quel pomeriggio si limitó a dire cosa o come, perchè e poi a produrre un silenzio che sapeva di cannella e miele, poichè accompagnato da un buon sguardo, di chi vuol dare la giusta strada da percorrere a chi è smarrito. Ma ció che lei notó e non dimenticó fu il modo come lui fece trillare quella bustina di un qualcosa di curativo. Quelle dita la presero e ne dilatarono l.imboccatura, schiaccisndo lateralmente i lati e poi rivoltandola in basso, la fece trillare tre volte tamburellando in un lato la bustina, con un tempo e ritmo perfetto! Infatti ne discese tutto il contenuto, perfetto! E l.ora era svolta, si alzó d.un tratto, trattenendo lo schienale della sua ampia poltrona e tutto di un fiato disse: adesso e solo adesso dimmi cosa posso fare ..e lei…nulla che lei non voglia e nessuna colpa per il nulla che non venga fatto, il seguito non lo si sa, han perso quei fogli che raccontavano la loro storia, ma la si puó scrivere …immaginandola…inventandola, perchè poi, la vera storia è quella che si racconta e non quella che si è vissuta.
      Sempre con piacere, poter immaginare un seguito alle sue storie, davvero bello. 🙂
      Stella

    2. Stella Says:

      comunque non si sta in silenzio, diventa assordante quello!

    Leave a Reply