< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • Dare i nomi alle cose
  • Nella bolla
  • L’altra zona
  • Questa era l’acqua
  • Di pietre e fiducia
  • July 2020
    M T W T F S S
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    03/07/2020

    Tornando

    Filed under: — JE6 @ 17:51

    Non è che abbia qualcosa da dire, tornando qui. E’ un po’ venire nella seconda casa, controllare che sia tutto più o meno in ordine, vedere che sì ci sarebbe da fare la polvere e magari passare lo straccio dei pavimenti però in fondo non è così sporco, sentire che manca qualcosa .- qualcosa che ti faccia venire voglia di fermarti – senza sapere definirlo. No, non c’entrano la pandemia, il lockdown, il lavoro che oggi c’è e domani chissà: non so se cambieremo davvero il nostro modo di vivere, so – credo di sapere, illudendomi come tutti di poter prevedere pezzi di futuro – che noi saremo gli stessi di ottobre dell’anno scorso e maggio di tre anni fa e gennaio di otto, noi, voi, io, gli stessi animali dal cervello molto sviluppato, né migliori né peggiori. Non è che abbia qualcosa da dire, tornando qui: ma a volte si sentte che bisogna forzarci a non perdere qualche abitudine, rifacendo gesti che in quel momento sono vuoti di significato ma vanno a pescarlo in qualche anfratto dell’esperienza non ancora murato e gettato nell’oblio. Fake till you make it, quante volte: e mai che non sia servito.

    Leave a Reply