< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • La prossima home page
  • Letter to you
  • Le cose, come sono
  • Nostra Signora del Lavoro
  • Federalismi
  • Tornando
  • A casa
  • Le voci dentro
  • Al lavoro
  • Il lockdown visto da Sarajevo
  • October 2020
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    262728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    02/10/2020

    La prossima home page

    Filed under: — JE6 @ 12:34

    Ho questo amico che ha circa la mia età, giusto un paio di anni in più. Vuol dire essere a metà della mezza età, grosso modo: posto che oggi come fai a dire a che punto stai, ché la vita è diventata un elastico capace di tendersi fino a un punto che i nostri nonni mai avrebbero immaginato possibile e allora giovane e vecchio chissà cosa significano.

    Comunque: è da un po’ che questo amico mi dice “non ho più voglia di sentire cose tristi, di leggere cose lugubri e faticose, di ascoltare racconti che hanno a che fare con malattie e dolori e malinconie, ne ho abbastanza di tutta la pesantezza che accumulo senza poterla evitare”. So che un po’ recita, perché poi ascolta certi blues che se ti sfreghi due cipolle davanti agli occhi ti fai meno danni e passa ore a leggere quotidiani e riviste con il loro carico di follie e cupezze e una parte di quelle ore non sono rese obbligatorie dal lavoro; ma c’è un altro po’ che non faccio fatica a capire perché ci sono tanti giorni che il mondo là fuori (dove il fuori significa un sacco di cose che vanno dall’appena dietro l’angolo all’Antartide, il tutto nello scroll di una home page) non sembra un posto così invitante e ti devi davvero impegnare per ritagliarti un pezzo di leggerezza. E niente, oggi piove molto e dalle home page non viene praticamente nulla di buono, niente che faccia dire “va’ che bello”, ma poi quelli come me e il mio amico si sentono come gli struzzi che nascondono la testa e si sentono a disagio con se stessi, e passano alla prossima home page.

    Leave a Reply