< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Vedere com’è essere qui
  • Altro da aggiungere non vi è
  • E’ possibile
  • Daysleeper
  • Abbi Fedez
  • Have a little faith in you
  • Nel preciso istante
  • In serie
  • Così, per dire
  • La pelle dell’orso
  • Che bello
  • Ma ti ricordi
  • Ciao come stai
  • Em(mah)
  • Esser morti da sempre anche se possono respirare
  • Santificare le feste
  • Unisci i puntini (da San Patrignano a Slane Castle, via Madre Teresa)
  • La sottile linea rossa
  • Cinque vasi e uno sgabello
  • You cannot be serious
  • Da fuori
  • Tornare in paese
  • Vivere raccontandola
  • Giusto è ciò che giova al più forte
  • Sfasciacarrozze
  • Tu chiamami se vuoi Marco T.
  • Quarantasette
  • Lavorare stanca
  • Una questione di tempo, di tempi
  • Greetings from Ljubljana 2014 – Prima della tempesta
  • Dacci oggi il nostro pane quotidiano
  • Il mercatino delle rose
  • But I like it (quattro amici al bar)
  • Distillato
  • O forse sono solo i troppi cocktail
  • Il Canal Grande, quello vero
  • Con un braccio da airone
  • La consunzione delle cose
  • Adesso vai
  • “Comunque tutta st’emozione per essere diventati democristiani”
  • March 2004
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    8/3/2004

    Valore aggiunto

    Filed under: — Squonk @ 17:30

    Ho sempre pensato – e persino dichiarato in pubblico, in una delle numerose interviste che ho rilasciato a mia maggior gloria – che ci son due tipi di blog: quelli che dai commenti vengono arricchiti, e quelli che invece ne subiscono danni.
    Senza merito alcuno del suo titolare, Squonk fa parte della prima categoria. Spesso, i commenti valgono più dei post. Non sempre, ma con una certa frequenza. Ci vuole poco? Forse sì, ma comunque.
    Senza demerito della gran parte dei suoi co-autori, Macchianera (e, prima ancora, GnuEconomy) fa invece parte della seconda. Un giorno, forse, proverò anche a spiegarmi perchè: per il momento, credo che Gianluca, chiudendo i commenti per una settimana, abbia semplicemente fatto la scelta giusta.
    Macchianera

    Mimosa

    Filed under: — Squonk @ 14:56

    Ti meriteresti altro, perchè – diciamo la verità – è un fiore (una pianta?) insopportabile, che porta con sè, oltre alla sua puzza intrinseca, i miasmi dell’incrocio al quale mi fermo affannato per comprarla, cinque minuti prima di rientrare a casa.
    Ma così è, sii clemente, ti prego. Anche questa volta, ricevendola, farai un sorriso, ringrazierai, e poi via, a rimboccarti le maniche, a fare tutto ciò che fai ogni santo giorno. A volte meglio di me, e comunque sempre con una forza “dentro” che io non ho, e non avrò mai. Incontrarti è stata la più gran fortuna della mia vita, e trovarti a casa tutte le sere è la sua, per me inspiegabile, continuazione.

    A domanda risponde

    Filed under: — Squonk @ 13:33

    Il miglior programma televisivo della scorsa settimana, per il vostro recensore, è stato senza dubbio Prime Minister’s Questions, trasmesso da BBC Parliament.
    Mister Blair se ne sta seduto, attorniato da svariate decine di MPs (i deputati della camera bassa). A turno, gli MP si alzano, accendono il microfono, e fanno una domanda al primo ministro: non ho messo mano al cronometro, ma la durata massima per la singola domanda non è superiore ai due minuti.
    Mister Blair si alza, va ad una specie di leggio, e risponde. Anche lui, due-tre minuti, non di più. Poi torna a sedersi, ascolta la domanda successiva, si rialza, torna al leggio, risponde, ritorna al suo posto e così via.
    Sembrava uno scolaretto, il buon Tony, che doveva anche accettare i “booh” di disapprovazione indirizzati alle sue tesi più ardite o controverse.
    Non so, io provavo ad immaginarmi il Cavalier Banana nella stessa situazione, ma senza risultato. Nè accetterebbe mai di farsi fare domande a raffica, nè accetterebbe mai di dover dare risposte a raffica, lui che è più logorroico di Pannella.