< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trasporti speciali
  • Cosa leggi
  • Cold case
  • Ti voleva bene
  • Un modo di stare al mondo
  • Prova a spiegarmelo
  • Destinazione paradiso
  • Cos’abbiamo da guardare
  • Fonzie reloaded
  • E invece
  • March 2004
    M T W T F S S
    « Feb   Apr »
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/3/2004

    Si potrebbe dire outing

    Filed under: — Squonk @ 11:10

    Prendo spunto da questo post di Lupus per dirlo: a me, i Beatles hanno sempre provocato crescita di muschi e licheni sull’intera superficie corporea.

    Farmacia notturna

    Filed under: — Squonk @ 09:30

    Quanti ne ha visti, la farmacista.
    A quanti ha dato l’ultima confezione di Muscoril insieme all’ultima siringa, a quanti ha detto “questa mi sembra la fotocopia di una ricetta, non l’originale”, quante volte si è sentita colpevole ed impotente.
    Un tempo – era giovane ed alle prime armi – sentiva la paura salirle nello stomaco e riempirle la bocca di un sapore agro e schifoso, quando entravano quei ragazzi nei loro piumini sporchi.
    Poi, per un po’, si trovò a provare compassione, la pena di una sorella, o di un’amica, di fronte ai cocci delle vite che le si presentavano davanti.
    Adesso – è passato tanto, forse troppo tempo – non sente più nulla. Richiama con voce atona il ragazzo farfugliante che esce dimenticandosi di prendere il resto; venticinque centesimi che gli serviranno per un altro laccio, se ne avrà l’occasione. Poi, la farmacista gira la testa, e passa al prossimo cliente.