< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Destinazione paradiso
  • Cos’abbiamo da guardare
  • Fonzie reloaded
  • E invece
  • Il lusso degli altri
  • E però, il leggere
  • Pulizie di primavera (le cose, a volte, sono semplici)
  • Giorni come oggi
  • Le cose e i ricordi
  • Giungla
  • July 2009
    M T W T F S S
    « Jun   Aug »
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    6/7/2009

    In ordine sparso

    Filed under: — Sir Squonk @ 14:28

    Insomma, ci sono tre candidati, anzi quattro. I cosiddetti “giovani del PD” (also known as “piombini” o “lingottini”, e vabbeh) hanno iniziato a prendere posizione, chi da una parte, chi dall’altra. In posizioni spesso secondarie, forse per scelta (si può trascinare il pubblico anche senza essere i frontmen) forse per debolezza o per miopia: eppure, ci sono. Tutto sommato, fermi restando i millemila dubbi sul loro conto, questo mi pare un bene, una prova per loro e per chi li sostiene, e anche per chi – come il sottoscritto – è scettico a dir poco. Perchè a questo punto, dato che le loro strade sembrano essersi separate, a me viene difficile avere le stesse identiche perplessità su Debora Serracchiani e su Pippo Civati, con l’eccezione di alcune – per me – necessarie considerazioni di carattere generazionale che magari verranno smentite entro sei mesi (per capirci, alla Andrea Romano quando giudica D’Alema-Veltroni-Folena-Mussi-Eccetera). Critiche o apprezzamenti ad personam, come sarebbe bello che avvenisse per tutti, anche per i poveri “apparati”. In tutto questo, io continuo ad essere più convinto dall’altro schieramento, quello dove qualche under-40 c’è ma, poveretto, non ha le stimmate del “nuovo”. Ma questo è un problema mio, immagino.