< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Mi fa grigie queste ore
  • Un lavoro fatto bene
  • Did it need to be so high?
  • Le cose che siamo, Business Edition
  • I morti della marmotta
  • Una firma qui, per cortesia
  • ll mare d’autunno
  • Vedere com’è essere qui
  • Altro da aggiungere non vi è
  • E’ possibile
  • Daysleeper
  • Abbi Fedez
  • Have a little faith in you
  • Nel preciso istante
  • In serie
  • Così, per dire
  • La pelle dell’orso
  • Che bello
  • Ma ti ricordi
  • Ciao come stai
  • Em(mah)
  • Esser morti da sempre anche se possono respirare
  • Santificare le feste
  • Unisci i puntini (da San Patrignano a Slane Castle, via Madre Teresa)
  • La sottile linea rossa
  • Cinque vasi e uno sgabello
  • You cannot be serious
  • Da fuori
  • Tornare in paese
  • Vivere raccontandola
  • Giusto è ciò che giova al più forte
  • Sfasciacarrozze
  • Tu chiamami se vuoi Marco T.
  • Quarantasette
  • Lavorare stanca
  • Una questione di tempo, di tempi
  • Greetings from Ljubljana 2014 – Prima della tempesta
  • Dacci oggi il nostro pane quotidiano
  • Il mercatino delle rose
  • But I like it (quattro amici al bar)
  • November 2014
    M T W T F S S
    « Oct    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    31/3/2004

    Si potrebbe dire outing

    Filed under: — Squonk @ 11:10

    Prendo spunto da questo post di Lupus per dirlo: a me, i Beatles hanno sempre provocato crescita di muschi e licheni sull’intera superficie corporea.

    15 Responses to “Si potrebbe dire outing”

    1. sphera Says:

      I muschi e licheni di solito crescono sul lato esposto a nord.

    2. Squonk Says:

      Mi diletto nello sport della giravolta, così assicuro un’esposizione uniforme.

    3. Mark Says:

      nessuno è perfetto.

    4. miic Says:

      Addio. E’ stato bello conoscerti prima che Lupus ti inseguisse armato canticchiando “Happiness is a warm gun”.

    5. BbieTtore Says:

      Io ho sempre preferito gli Stones, ma riconosco l’onnipotenza musicale degli scarafaggi…

    6. Says:

      sir, questa sua mi suona a guisa di bestemmia. (viceversa, a me i beach boys cagionano la pellagra. son cose.)

    7. Squonk Says:

      I Beach Boys sono leggermente meno molesti dei Beatles. Punto.

    8. PlacidaSignora Says:

      Oh Squonk, che dolore mi dai…

    9. BbieTtore Says:

      Ma nemmeno strowberry fields?

    10. Effe Says:

      Sir, lei già inciampò con Chatwin, ora mi incespica anche con i baronetti. A pensarci, però, la cosa di Chatwin è più grave

    11. sphera Says:

      Inciampa sulle pietre che rotolano e calpesta gli scarafaggi?

    12. AdRiX Says:

      Anatema! Impieghero’ almeno dieci minuti a perdonarla, Goppai.

    13. Squonk Says:

      Che volete, per me la storia della musica inizia intorno al 1971, non prima. Tutto il resto, come disse quello, è noia.

    14. clutcher Says:

      E vabbè, caro Squonk: 1 a 1 e palla al centro.

    15. woland Says:

      Squonk>1968: The piper at the gates of down

    Leave a Reply