< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download

    Greetings from (pdf)
    My Own Private Milano (pdf)
    On The Blog (pdf)
    Cinque birilli (pdf)

    Post sotto l'Albero
    ---------------------------
    2003
    2004
    2005
    2006
    2007
    2008
    2009
    2009 (ePub)
    2009 (mobi)
    2010
    2010 (iPad)
    2010 (ePub)
    2010 (mobi)
    2010 (mobi indexed)

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Il lusso degli altri
  • E però, il leggere
  • Pulizie di primavera (le cose, a volte, sono semplici)
  • Giorni come oggi
  • Le cose e i ricordi
  • Giungla
  • Sulla piccola vetrina
  • Così perfetta da non sentirla
  • (Brother) Where art thou
  • Opera Buffa
  • Le previsioni danno pioggia
  • La mamma, i sapienti, la sineddoche e il metodo Report
  • Elettori, tesserati, militanti (ma amici mai)
  • Nel lungo periodo
  • Dove troviamo binari
  • (Grosso e) Rosso
  • Prendi parti e non torni più
  • Te lo ricordi Charlie?
  • “Sì, capisco”
  • Pane al pane
  • Il passato è in bianco e nero
  • Buoni motivi
  • A shallow meaningless party
  • L’anno della marmotta
  • In nome della legge
  • Allora è così
  • Abiti e matite
  • Mutandine rosse
  • In fondo, senza troppi lividi
  • Parola dell’attore
  • Canta Appress’ A Nuie
  • Com’è il buio
  • L’anno che è arrivato
  • Crazy Horse, tipo
  • Tra parentesi
  • Mi fa grigie queste ore
  • Un lavoro fatto bene
  • Did it need to be so high?
  • Le cose che siamo, Business Edition
  • I morti della marmotta
  • May 2015
    M T W T F S S
    « Apr    
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/11/2006

    Saluti da Chioggia – 2. Turista per caso

    Filed under: — Sir Squonk @ 22:06

    A furia di girare l’Europa in luoghi improbabili dai nomi a volte grotteschi, finisci per dimenticare che hai ancora mille posti da vedere e dai quali farti stupire giusto a due o tre ore da casa tua. Così, giro stupito per le vie di Chioggia, una micro-Venezia della quale non conoscevo l’esistenza, fermandomi a guardare i campanili, gli infissi in legno, i canali, i muri color pastello. Al telefono, Claudia mi dice “con la macchina venga sempre dritto, quando sta per finire in acqua giri a destra e arriva all’albergo”, seguo le istruzioni e mi trovo a mettere le ruote a cinquanta centimetri dall’acqua della laguna. Cammino per l’isola pedonale, che è stracolma di gente alle sette di sera – penso a Milano, poi decido di godermi la serata, telefono a casa, sta ballando il primo dente della persona corta, dietro una tenda vedo una signora in pigiama.

    Leave a Reply