< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Trasporti speciali
  • Cosa leggi
  • Cold case
  • Ti voleva bene
  • Un modo di stare al mondo
  • Prova a spiegarmelo
  • Destinazione paradiso
  • Cos’abbiamo da guardare
  • Fonzie reloaded
  • E invece
  • August 2015
    M T W T F S S
    « Jul    
     12
    3456789
    10111213141516
    17181920212223
    24252627282930
    31  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/11/2006

    Saluti da Chioggia – 2. Turista per caso

    Filed under: — Sir Squonk @ 22:06

    A furia di girare l’Europa in luoghi improbabili dai nomi a volte grotteschi, finisci per dimenticare che hai ancora mille posti da vedere e dai quali farti stupire giusto a due o tre ore da casa tua. Così, giro stupito per le vie di Chioggia, una micro-Venezia della quale non conoscevo l’esistenza, fermandomi a guardare i campanili, gli infissi in legno, i canali, i muri color pastello. Al telefono, Claudia mi dice “con la macchina venga sempre dritto, quando sta per finire in acqua giri a destra e arriva all’albergo”, seguo le istruzioni e mi trovo a mettere le ruote a cinquanta centimetri dall’acqua della laguna. Cammino per l’isola pedonale, che è stracolma di gente alle sette di sera – penso a Milano, poi decido di godermi la serata, telefono a casa, sta ballando il primo dente della persona corta, dietro una tenda vedo una signora in pigiama.

    Leave a Reply