< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Fortza Paris
  • One World

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Destinazione paradiso
  • Cos’abbiamo da guardare
  • Fonzie reloaded
  • E invece
  • Il lusso degli altri
  • E però, il leggere
  • Pulizie di primavera (le cose, a volte, sono semplici)
  • Giorni come oggi
  • Le cose e i ricordi
  • Giungla
  • July 2015
    M T W T F S S
    « Jun    
     12345
    6789101112
    13141516171819
    20212223242526
    2728293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    30/6/2003

    Filed under: — Sir Squonk @ 23:54

    [Ci son giorni che sorridono, e si riempiono di persone, parole e fatti, di fronte ai quali cinquecentocinque chilometri senza l’autoradio scorrono come l’aria che arriva dal ventilatore]

    4 Responses to “”

    1. utente anonimo Says:

      Sì, uno.
      Perché Squonk?
      Bellissimo quest’angoletto di civiltà. Vi trasudano silenzio e parole tranquille, le tue, quelle di Garcìa Marquez io l’adoro.
      E non stonano tra loro.
      L’arte richiama l’artista…
      Ma… perché Squonk?
      bea

    2. Squonk Says:

      Bea: Squonk è’ il titolo di una canzone dei Genesis, che ascolto (i Genesis, non la canzone) da venticinque anni, più o meno. Non è nemmeno la mia canzone preferita, ma ha un titolo che si fa ricordare (almeno, io riesco a non dimenticarlo), e questo è il primo motivo. Il secondo è che sono un babbeo, perchè mi sembrava di ricordare che Squonk fosse un animaletto leggendario capace di caricare su di sè tutte le tristezze del mondo e convertirle in lacrime: un santo, insomma. In realtà, Squonk sarebbe una creatura timidissima, così convinta della propria bruttezza da passare il suo tempo a buttar fuori enormi lacrime (http://www.henge.org.uk/general/squonk.html). Insomma, pensavo fosse amore, invece era un calesse.

    3. Effe Says:

      Dove l’ho già letta, questa? Ah, sì, sul famoso On the Blog

    4. Squonk Says:

      Ottimizzo gli sforzi.

    Leave a Reply