< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • April 2003
    M T W T F S S
     123456
    78910111213
    14151617181920
    21222324252627
    282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    28/04/2003

    Filed under: — JE6 @ 10:02

    Sono onesto, ma non sono Shakespeare
    B. Georg rimette in moto i neuroni, e piazza un post “di peso” su blog, numeri, scrittura ed universo mondo. Evito i convenevoli, e passo alle riflessioni.
    “Il nostro scrivere è per molti versi un parlare (…) e dell’oralità ha molte caratteristiche”. Se è vero, è preoccupante. Non mi nascondo che qualunque nostra espressione dovrebbe derivare da analoghe successioni di azioni mentali (raccolta delle informazioni, elaborazione, espressione), ma nell’oralità c’è una quota di improvvisazione molto maggiore rispetto a quella che si trova nella scrittura. La parola, una volta detta, è andata. La parola scritta può essere cancellata, spostata, e soprattutto – in generale – si presta ad una diversa e maggiore meditazione. Non funziona sempre così – ma dobbiamo ammettere che è facile rendersi conto di quando questo processo di premasticazione non ha avuto luogo.
    BG torna poi su un tema a me piuttosto caro: “ci convinciamo che la nostra visibilità (…) dipenda dalla nostra capacità di renderci interessanti e non dalla nostra capacità di accordare la nostra voce con i nostri contenuti, così da diventare originali, cioè inconfondibili”. Hmm.
    No, non mi convince. O meglio: la nostra visibilità (quella dei blog, si intende) dipende dalla nostra capacità di essere interessanti, e quindi di renderci tali agli occhi di chi ha la ventura di leggerci. E’ questa capacità che crea la corrispondenza intrinseca tra blogger e lettore (come tra blogger A e blogger B), la relazione continuativa, quella che sta alla base degli accessi ripetuti da parte di uno stesso soggetto in uno stesso blog. Io leggo tutti i giorni [Falso Idillio] perchè mi interessa (per temi trattati, oppure per tipo di scrittura). Se non mi interessasse, utilizzerei diversamente il mio tempo. E la stessa cosa faccio con Mantellini, Vic, Luca Sofri, Paolo Valdemarin, GuruGranieri e gli altri che stanno nei miei bookmark.
    Diciamo che questa considerazione vale dal cosiddetto “lato utente”. Rientrando nei panni del blogger, non posso nascondermi che i numeri sono indici della mia capacità di suscitare interesse in modo continuativo. Tutti le altre anime perse che vagano nella blogosfera si comportano come me, e adottano nei miei confronti lo stesso comportamento che io adotto nei loro.
    Vogliamo dire che la mia capacità di essere interessante dipende dalla mia capacità di “accordare la mia voce con i miei contenuti”? Credo di sì, credo che in parte questo sia vero. Alla lunga, se questa capacità non c’è, se viene simulata, si viene scoperti. Si suona falsi. Di casi, in giro, ce ne sono parecchi, ed anche famosi. Ciò non toglie, comunque, che il blogger che si guarda allo specchio (ed i numeri sono uno dei possibili specchi nei quali rimirarsi) deve riflettere su quanto i propri contenuti trovino spazio, consenso, interesse, in coloro che lo frequentano.
    Detto questo: “essere interessanti” significa “essere originali”? No, io non credo. Almeno, io all’originalità – anche per come la intende BG – credo davvero poco. E’ già stato scritto e pensato (quasi) tutto, e l’originalità, sia essa relativa ai temi oppure ai toni, oppure ad entrambi, è dono di pochissimi eletti. Lo dico con chiarezza, io non sono tra quelli. Ma, in tutta sincerità, in giro non ne vedo. E questo, però, non mi impedisce di frequentare alcune persone tutti i santi giorni. Come si fa con gli amici: non sono belli, non sono originali, non sono dei cervelloni: ma ti piacciono, e vai a farci quattro passi insieme, e ti senti bene.