< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • “Al Corvetto”
  • Dare casa alle cose
  • Il criterio mancante
  • La vita degli altri
  • Grandi Progetti
  • Cinquanta
  • Beau geste
  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • March 2004
    M T W T F S S
    1234567
    891011121314
    15161718192021
    22232425262728
    293031  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    12/03/2004

    Trentaquattro, e poi il nulla

    Filed under: — JE6 @ 11:36

    Provate a mettervi nei panni di un familiare di uno di quei povericristi che in Piazza Fontana ci ha lasciato una mano, un occhio, quando non la vita.
    Provate a immaginare di far passare trentaquattro anni e tre mesi, nella consapevolezza che nessuno vi ridarà quel poco o tanto di vita che è stato tolto a voi ed al vostro familiare, e nella speranza che si sappia chi è il miserabile che ha messo la bomba e che costui spenda almeno un giorno della sua vita in galera.
    Provate a immaginare di guardare i figli degli amici crescere, mentre vi passano davanti agli occhi otto, nove, dieci processi.
    Provate ad immaginare di trovarvi davanti ad un vecchio album di fotografie, vedere come eravate e com’era quella persona che amavate, trentacinque anni fa; e poi alzare la testa, e vedere le rughe, ed i capelli bianchi, e la stanchezza che si riflettono nello specchio.
    Provate a mettervi nei panni di una di queste persone, ed immaginare come vi sentireste, dopo trentaquattro anni e tre mesi, leggendo due semplici, brevi parole: tutti assolti.
    Repubblica.it

    4 Responses to “Trentaquattro, e poi il nulla”

    1. ugo Says:

      più che altro: solo la magistratura italiana poteva assolverli dopo quello che è successo ieri.
      chiunque altro avrebbe subito quantomeno l’influenza emotiva dell’accaduto.
      poi però Berlusconi è il pazzo.
      (con questo non ti sto dicendo che Berlusconi è un grand’uomo, semplicemente che quando dice peste e corna dei magistrati non sarebbe da condannare)

    2. lester Says:

      A volte apro i commenti senza sapere bene cosa scrivere, solo perché mi sembra giusto dire che sono d’accordo.

    3. Squonk Says:

      Ugo, chiariamo una cosa: se i magistrati avessero condannato qualcuno perchè a Madrid erano scoppiate delle bombe, allora sì che ci sarebbe stato da dire peste e corna di loro. Io non so se questa sentenza è giusta o sbagliata, non ho gli strumenti per giudicare. So solo che, dopo trentaquattro anni, non si sa chi ha messo quella bomba. Questo mi pare osceno, non l’assoluzione di Zorzi, Maggi e Rognoni.

    4. sphera Says:

      Potrei sbagliarmi e non ricordarmi tutte le singole stragi, ma a memoria mi pare che di ben poche bombe si sappia dopo anni o decenni chi le ha messe.

    Leave a Reply