< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • Aspettando
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    06/04/2004

    Pretenziosa critica letteraria

    Filed under: — JE6 @ 17:27

    Sto finendo Americana di Don DeLillo.
    Non so se l’autore sia davvero uno dei massimi romanzieri americani contemporanei, come recita la quarta di copertina. Mi auguro che la narrativa americana sia messa un po’ meglio, ma comunque mi leggerò Underworld, prima di emettere il verdetto finale.
    Insieme a L’elenco telefonico di Atlantide, Americana è il secondo libro che mi passa tra le mani, nel corso degli ultimi mesi, che si sviluppa secondo lo stesso schema: duecento pagine splendide, le prime, nelle quali si descrive in modo magistrale un ambiente di lavoro; e poi, altre trecento di voli, salti, personaggi poveri e deboli, e qualche centinaio di migliaia di parole messe lì in attesa della parola fine.
    E’ interessante questa capacità di parlare dei luoghi dove la gente vive davvero per dieci, dodici ore ogni giorno, di saperne tirare fuori l’essenza, di metterne a nudo le piccolezze, le meschinerie, le invidie, gli eroismi, le fatiche, di dire ciò che il lettore sperimenta quotidianamente creando immedesimazione e al tempo stesso ripulsa, e quindi coinvolgimento.
    Ed è altrettanto interessante notare come poi, non appena le pagine lasciano i corridoi, gli uffici, gli interfoni, gli amministratori delegati e le colleghe puttane, le storie crollano in modo abbastanza miserevole: come se gli autori (così diversi tra loro), una volta staccati da una specie di proprio habitat, non fossero più capaci di trovare le parole per raccontare persone, storie, sensazioni.
    Intendiamoci: due libri, messi di fronte alla sterminata produzione letteraria che sgomita per trovare uno spazio in libreria, non sono certamente un campione statistico di qualche valore. Ma a me, Avoledo e DeLillo sono stati “venduti” come due Romanzieri, gente che si merita la maiuscola. E allora, questo mi fa pensare. Male, certo.

    Deja vu

    Filed under: — JE6 @ 14:09

    C’è qualcosa di vagamente inquietante, nel farsi visitare – alla tenera età di trentasette anni – da quello che era il tuo pediatra.

    Continuiamo così, facciamoci del male

    Filed under: — JE6 @ 11:07

    Dopo sei-giorni-di-febbre-sei, mi viene la malaugurata idea di scaricare la posta “lavorativa”.
    299 messaggi, spam e virus inclusi. Sento già la temperatura risalire.