< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • Running, standing still
  • Quello che te ne resta
  • Call the call a call
  • Dopo l’incidente
  • Play around it
  • Generale la guerra è finita
  • Dove è un lusso la fortuna c’è bisogno della luna
  • Esperienza
  • Guardando gli spettatori
  • Appena
  • April 2004
    M T W T F S S
     1234
    567891011
    12131415161718
    19202122232425
    2627282930  

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    24/04/2004

    Fescion

    Filed under: — JE6 @ 21:28

    Ce le ho anch’io. Son due maglie, piene di stemmini, loghi, scritte. Una parla di Scotland e England e Six Nations, ed ha un grosso numero 5 sulle spalle. L’altra ha un logo NFL, una grossa scritta in pieno petto, il numero 7 poco sopra la scapola destra. Ci siamo capiti, insomma.
    E’ un florilegio di colori sgargianti, giallo, rosso, azzurro, ci sono in giro centinaia di migliaia di queste maglie e felpe e giubbotti finto sportivi, che richiamano alcune nazioni: Inghilterra, Scozia, Australia, Brasile, Giamaica, Argentina.
    Perchè queste e non altre, non so: niente Galles nè Irlanda, nessuna menzione delle Isole Fiji, o del Paraguay, per non dir dell’Etiopia.
    Che poi, se giri per Londra, mica vedi gente che indossa maglie inneggianti all’Italia o al Cile, alle Samoa o alla Nuova Zelanda. E fai fatica a capire perchè al di qua delle Alpi si diffondono queste mode, silenziose ed inspiegabili, che ci trasformano in testimonial di qualcosa che, l’anno prossimo, esisterà ancora solo sul mappamondo.