< City Lights. Kerouac Street, San Francisco.
Siediti e leggi un libro

     

Home
Dichiarazione d'intenti
La vita non è quella che si è vissuta, ma quella che si ricorda e come la si ricorda per raccontarla.
(Gabriel Garcia Marquez)

Talk to me: e-mail

  • Blogroll

  • Download


    "Greetings from"

    NEW!
    Scarica "My Own Private Milano"


    "On The Blog"

    "5 birilli"

    "Post sotto l'albero 2003"

    "Post sotto l'albero 2004"

    "Post sotto l'albero 2005"

    "Post sotto l'albero 2006"

    "Post sotto l'albero 2007"

    "Post sotto l'albero 2008"

    "Post sotto l'albero 2009"

    "Post sotto l'albero 2010"


    scarica Acrobat Reader

    NEW: versioni ebook e mobile!
    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2009 versione mobi"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione epub"

    Scarica "Post sotto l'albero 2010 versione mobi"

    Un po' di Copyright Creative Commons License
    Scritti sotto tutela dalla Creative Commons License.

  • Archives:
  • Ultimi Post

  • O. e le sue sorelle
  • 1,47
  • Un po’ di meno e un po’ di più
  • My own private Ukraine (qualche tempo dopo)
  • Carezze
  • E c’è chi ha messo dei sacchi di sabbia vicino alla finestra
  • Anacronismi (la storia sono loro)
  • Come un cattivo destino
  • Il motore della vita
  • Evaporando a Fuxing Park
  • October 2004
    M T W T F S S
     123
    45678910
    11121314151617
    18192021222324
    25262728293031

     

    Powered by

  • Meta:
  • concept by
    luca-vs-webdesign (contact)
     

     

    17/10/2004

    Greetings from New Orleans: 1 – Le cirque du SkyTeam

    Filed under: — JE6 @ 22:09

    Malpensa, in coda per l’imbarco. Alle 10.10 si presenta il passeggero Fonzarello e, liberi di crederci o meno, veste un giubbotto di pelle. Nera.
    Alle 10.15 arriva uno steward Delta, con trolley d’ordinanza e sacchetto Esselunga, dal quale spunta una confezione di Fagolosi (dico, ma in Georgia non hanno i grissini?).
    Sul volo, alle 15.00 passa una hostess (un raggio di sole, una versione minore di Whitney Houston in “Bodyguard”) spingendo l’osceno carrello dell’ancor piu’ osceno duty free merchandise; quando mi da’ le spalle, posso ammirare lo zainetto rosa shocking che indossa con palese vergogna, all’interno del quale fa bella mostra di se una Barbie.
    Mi pare un segno del destino il fatto che io stia leggendo Una banda di idioti.

    PS1 – Quasi dieci ore filate di nuvole. Una vita ad aspettare di avere il posto-finestrino-lato-Groenlandia, e poi. Vabbeh.
    PS2 – Una banda di idioti e’ una compagnia straordinaria. L’ho finito dalle parti di Philadelphia, ed ho passato l’ultima ora di volo in condizioni di crisi di astinenza da Ignatius Reilly, e soprattutto da Jones, il negro.

    3 Responses to “Greetings from New Orleans: 1 – Le cirque du SkyTeam”

    1. spiritum Says:

      Cos’è che ammiri quando ti dà le spalle, eh?

    2. Effe Says:

      guardi che certe affermazioni conclusive potrebbero essere usate contro di lei

    3. Shangri-La Says:

      Mi inchino di fronte ai due must citati: Una banda di idioti e i Fagolosi. 🙂

    Leave a Reply